1. Home
  2. /
  3. Tutte le Notizie
  4. /
  5. I FIORI DI LILLÀ...

I FIORI DI LILLÀ ODV E MATTY & CO. ODV DONANO KIT A CIRCA 30 GIOVANISSIMI ATLETI CON DISABILITÀ PROTAGONISTI DI PROGETTI DI PALLACANESTRO INCLUSIVA

CITTÀ DI CASTELLO – Certi sorrisi valgono qualunque sforzo, sacrificio e gesto li possa moltiplicare. È quello che hanno pensato le associazioni di volontariato I Fiori di Lillà Odv e Matty & Co. Odv, riunendosi per donare la prima divisa da gioco ed uno zaino sportivo ai circa 30 atleti “speciali” che partecipano ai progetti “BaskIn” e “Mini Basket 4 YOU”, la pallacanestro inclusiva che da 3 anni a questa parte a Città di Castello ha liberato l’allegria, l’entusiasmo e la voglia di fare di bambini e ragazzi con disabilità cognitiva e fisica.

Un pensiero davvero provvidenziale, perché sarà proprio con queste divise che dal mese di aprile la squadra di BaskIn della Pallacanestro Blu Royal Tiferno scenderà in campo nel primo campionato regionale promosso dall’EISI – Ente Italiano Sport Inclusivi.

“Questa donazione – sottolineano il sindaco Luca Secondi, l’assessore alle politiche sociali Benedetta Calagreti e l’assessore allo sport Riccardo Carletti – è un premio meritato per la forza d’animo e la costanza, la voglia di fare e l’entusiasmo con cui ogni giorno questi “piccoli eroi” superano i propri limiti e le proprie difficoltà su un campo da basket e sono il manifesto più bello dell’idea che lo sport sia per tutti: un concetto, questo, che da sempre è alla base delle scelte e degli investimenti dell’amministrazione comunale”.

I 3 pubblici amministratori venerdì scorso hanno partecipato alla cerimonia di consegna della donazione avvenuta nel Playground di Via Malfatti. Alla presenza dei familiari degli atleti e di tutti gli artefici dei progetti “Baskin” e “4YOU” ovvero la Tiferno Pallacanestro, l’Usl Umbria 1 con il Servizio Integrato per l’Età Evolutiva, la Cooperativa sociale “La Rondine” ed I Fiori di Lillà Odv (con cui collaborano il Comune e l’Istituto “Patrizi – Baldelli – Cavallotti”, che mette a disposizione la palestra della sede di Via Aldo Bologni), gli amministratori hanno sottolineato il valore di quest’esperienza e hanno ringraziato tutti i protagonisti “per la sensibilità, la generosità e la professionalità con cui hanno creduto sin dal primo momento nelle grandi potenzialità inclusive della pallacanestro e hanno vinto una sfida innovativa, che ha pochi eguali in Italia e nella nostra regione”.

Luca Secondi, Benedetta Calagreti e Riccardo Carletti hanno espresso la sentita riconoscenza del governo cittadino ai rappresentanti delle associazioni I Fiori di Lillà Odv e Matty & Co. Odv “per l’ennesima volta – hanno detto – in prima linea con un pensiero delicato e generoso per la comunità di Città di Castello nel nome della solidarietà”.

La gioia e l’entusiasmo con cui tutti i giovanissimi atleti in campo hanno accolto il gesto di attenzione riservato loro sono stati il regalo più bello per gli autori della donazione.

“Abbiamo creduto fin dal primo momento – ha affermato Gioia Calagreti de I Fiori di Lillà Odv – nel progetto del BaskIn, che grazie all’impegno professionale diretto di una delle nostre socie ci ha portato a contatto con la realtà meravigliosa di giovani che hanno tantissimo da insegnare e meritano ogni opportunità e ogni attenzione da parte della comunità. Quando si tratta di dare il nostro contributo per sostenere persone con bisogni speciali rispondiamo sempre presenti, perché siamo nati con l’obiettivo di aiutare il prossimo e promuovere iniziative di solidarietà che rispondano concretamente alle emergenze sociali della nostra comunità”.

A dirsi “felici e orgogliosi di essere vicini ai protagonisti di progetti di inclusione sociale così importanti” sono stati Marco Romolini e Claudia Zafferani di Matty & Co. Odv, che hanno sottolineato “la forza di questi ragazzi, veri esempi per tutti noi di voglia di vivere e di fare”.

Il presidente della “Tiferno Pallacanestro” Marco Cesaroni, presente con Matteo Mordaci, Marco Mearelli, Elisa Frabetti, Gregorio Cesaroni, Augusto Puletti, Chiara Massetti, Leonardo Borghini, Giacomo Magi, Stefano Fiorucci e Camillo Pauselli, ha rimarcato la soddisfazione di lavorare con “bambini e ragazzi davvero speciali, che ci emozionano e ci insegnano ogni giorno quanto sia importante impegnarsi e credere nelle proprie possibilità”. “Siamo orgogliosi di quest’esperienza – afferma Cesaroni – e onorati, insieme a tutto lo staff che svolge un lavoro straordinario, di avere la possibilità di dare il nostro contributo a promuovere lo sport e il basket in particolare come veicoli di inclusione sociale, opportunità vere di espressione e integrazione per persone che hanno una disabilità e che dimostrano sul campo, come nella vita, di poter abbattere ogni barriera”.

La cerimonia di consegna dei kit ha reso davvero percepibili i benefici terapeutici dell’attività sportiva.

“Fare sport in gruppo – ha evidenziato la logopedista Letizia Giovagnini del Servizio Integrato per l’Età Evolutiva dell’Usl Umbria 1 – è di straordinaria importanza per il benessere psicofisico dei nostri bambini e dei nostri ragazzi, che grazie a questi progetti hanno potuto abbinare alle stanze di terapia, dove passano molto tempo, un piacevole modo di trascorrere il tempo libero, coltivando la passione per il gioco del basket”.

“Lavorando con questi giovani – ha spiegato Marco Romanelli della Cooperativa sociale “La Rondine” – abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione dei grandi risultati che si possono avere con la pratica sportiva dal punto di vista dell’autonomia personale e dell’inclusione sociale. L’esperienza dei nostri educatori ha accompagnato giorno per giorno gli atleti in un lavoro che abbiamo condiviso con gli istruttori della Tiferno Pallacanestro e che ci ha dato grande soddisfazione”.

 

I PROGETTI

 

Il progetto “BaskIn” coinvolge 15 ragazzi con disabilità fisica e cognitiva tra i 15 e i 20 anni di età. Il BaskIn è uno sport pensato per permettere a giovani normodotati e con qualunque tipologia di disabilità (fisica e mentale) di giocare nella stessa squadra, composta sia da ragazzi che da ragazze. Le regole di questa disciplina sono studiate per valorizzare il contributo di ogni atleta, puntando su una responsabilizzazione durante la partita che è finalizzata a superare la tendenza spontanea ad un atteggiamento assistenziale a volte presente nelle attività fisiche per persone disabili. Le squadre sono composte da 12 giocatori, dei quali 6 in campo: 3 normodotati e 3 con disabilità. Il BaskIn utilizza 2 canestri normali e 2 laterali più bassi per persone con disabilità motoria, palloni con dimensioni e peso diversi, uno spazio di gioco con zone protette per garantire il tiro nei canestri laterali. Ogni giocatore ha un ruolo definito dalle sue caratteristiche motorie ed un avversario diretto dello stesso livello. Un tutor, ovvero un altro giocatore della squadra, può accompagnare le azioni di un compagno con disabilità.

 

Il progetto “Mini Basket 4 You” coinvolge circa 15 bambini con disturbo dello spettro autistico tra gli 8 e gli 11 anni di età, divisi in 2 gruppi. L’esperienza nasce con l’obiettivo di offrire ai protagonisti la possibilità di vivere, in gruppo, un’esperienza di sport attraverso il basket. L’assunto di base del progetto è quello di offrire a bambini con ASD e diagnosi affini la possibilità di praticare uno sport in gruppo, che li accompagni prima ad armonizzare i propri movimenti ed a migliorare le proprie capacità di relazione e poi ad integrarsi in contesti di gioco. Offrire l’occasione di un piacevole divertimento praticando un’attività ludico-sportiva al di fuori dei contesti familiari e riabilitativi, migliorare le capacità di relazione e comunicazione, sviluppare competenze psicomotorie e di regolazione del comportamento ed imparare a condividere le regole attraverso il gioco: queste sono le finalità principali della proposta terapeutica.

 

 

I FIORI DI LILLÀ ODV E MATTY & CO. ODV DONANO KIT A CIRCA 30 GIOVANISSIMI ATLETI CON DISABILITÀ PROTAGONISTI DI PROGETTI DI PALLACANESTRO INCLUSIVA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *