1. Home
  2. /
  3. Tutte le Notizie
  4. /
  5. I RAGAZZI NON SONO...

I RAGAZZI NON SONO VASI DA RIEMPIERE MA FUOCHI DA ACCENDERE

PERUGIA – Al termine dell’anno scolastico anche per il Centro di Aiuto allo Studio, Portofranco Umbria, è tempo di
consuntivi. Il Centro, nato quasi vent’anni fa, grazie anche al sostegno della Fondazione Perugia, è rivolto agli
studenti delle scuole medie di primo e secondo grado.
Grazie alla presenza di oltre 50 volontari, fra docenti in attività e in pensione, professionisti e studenti
universitari, Portofranco offre gratuitamente aiuto nello svolgimento quotidiano dei compiti, nel recupero
dei debiti formativi e delle conoscenze disciplinari.

Quest’anno si sono rivolti al Centro 185 studenti (il 22% di origine extracomunitaria) e sono state erogate
1590 ore di lezione individuale per un risparmio per le famiglie di circa 50.000 euro
Tra insegnanti, studenti e staff, 55 volontari hanno sostenuto i ragazzi che si sono rivolti al Centro.
Significativo è stato quest’anno l’apporto degli studenti del PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e
l’Orientamento) che, attraverso il progetto Peer Tutoring (insegnamento tra pari), hanno sostenuto nello
studio pomeridiani i loro “colleghi” del biennio. Significativo anche il contributo dei tirocinanti del
Dipartimento di Lettere dell’Università degli Studi di Perugia che, oltre alle lezioni hanno sostenuto il lavoro di
segreteria e di accoglienza. La composizione dei nostri volontari mostra la reale possibilità di collaborazione
tra generazioni diverse: il volontario più giovane ha 17 anni e il più anziano 79.

Infine, significativo è stato il percorso “Verso la Maturità”, dal titolo “Il fattore umano nelle sfide di oggi”,
rivolto agli studenti del quinto anno e svolto in collaborazione L’Università per Stranieri di Perugia. I tre
incontri tenuti da docenti universitari e insegnanti delle scuole superiori hanno affrontati i temi “caldi” di
questo periodo come la questione palestinese e l’intelligenza artificiale, cercando di fornire agli oltre 100
studenti intervenuti, alcuni strumenti per affrontare l’esame di stato.

Evidentemente non si può “ridurre” l’esperienza di un luogo come Portofranco ai “soli numeri”, visto che il
suo fascino risiede tutto nella gratuità e nella libertà con cui si incontro ragazzi e volontari; tuttavia, prendere
coscienza delle dimensioni di questo fenomeno, può aiutare, innanzitutto chi ne è direttamente protagonista,
a rendersi conto, del contributo che Portofranco Umbria offre al nostro territorio nell’affrontare quel disagio
giovanile di cui tanto si parla.

 

Per approfondimenti
Dicono di noi
I ragazzi del PCTO
I nostri numeri
Progetto Portofranco Umbria

I RAGAZZI NON SONO VASI DA RIEMPIERE MA FUOCHI DA ACCENDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *