1. Home
  2. /
  3. Tutte le Notizie
  4. /
  5. “JOYFUL SINGING CHOIR”, CONCERTO...

“JOYFUL SINGING CHOIR”, CONCERTO IN FAVORE DEL CENTRO PER LA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI “LA CASA DI SALLY”

CITTÀ DI CASTELLO – Sabato 4 maggio alle ore 21 il Teatro degli Illuminati ospiterà un concerto del Joyful Singing Choir” finalizzato alla raccolta fondi in favore del Centro per la cura dei disturbi alimentari “La casa di Sally”.

Costo del biglietto 15 euro, per prenotazioni tel. 348/6728050.

I Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione sono sindromi psichiatriche caratterizzate da un alterato consumo di cibo che possono influire negativamente sullo sviluppo corporeo e sulla salute fisica comportando a volte gravi problemi medici (sia acuti, sia cronici) ed implicazioni di carattere psicologico – relazionale e sociale.
I DCA costituiscono al giorno d’oggi un’emergenza sanitaria, psicosociale e familiare che non sembra in questo momento trovare un argine alla sua crescita esponenziale e di conseguenza il fabbisogno di cura di pazienti affetti da tali disturbi risulta in aumento.

I dati dell’Osservatorio epidemiologico nazionale ci presentano dati nazionali intorno ai 3 milioni di persone. in Umbria il dato è intorno ai 20.000 pazienti. Durante l’emergenza sanitaria da Coronavirus i disturbi dell’alimentazione sono inoltre cresciuti del 30%: colpiti anche i minori tra 10 e 12 anni e l’isolamento aumenta il rischio di un peggioramento dei sintomi.
Negli ultimi anni si è abbassata moltissimo l’età di esordio con un aumento dei casi infantili e preadolescenziali: l’esordio precoce è sempre associato ad una maggiore gravità clinica e mancano in Italia strutture che accolgano pazienti sotto i 14 anni, mentre stanno aumentando proprio le richieste di ricoveri di minori di queste fasce di età, con ragazzini sempre più piccoli, anche di 10-11 anni.

In quest’ottica si colloca il progetto “La casa di Sally” (denominazione evocativa decisamente non casuale), che avrà sede in un accogliente edificio ristrutturato ad hoc es arricchito da un grazioso giardino interno (150 metri quadrati di proprietà della Curia Vescovile) nel pieno centro tifernate a due passi dalla chiesa di San Francesco (ubicazione importante per favorire la risocializzazione con la comunità), finalizzato a sostenere ed accompagnare i pazienti in età evolutiva affetti da DCA e le loro famiglie creando percorsi di autonomia e reinserimento sociale a bassa intensità assistenziale, una struttura (privata in integrazione con il pubblico) intermedia tra l’intervento ospedaliero e quello riabilitativo.

La straordinaria iniziativa, destinata a rispondere ad esigenze estese in Alto Tevere, si deve alla Cooperativa sociale “Il crocevia” e alla tenacia del suo presidente Stefano Minni, assistente sociale di raro garbo e dalla lunga esperienza nello specifico sia come operatore che come padre, che si sta dedicando totalmente alla causa anche coinvolgendo imprenditori e privati in un crowdfunding che vivrà un momento particolarmente significativo proprio sabato 4 maggio alle 21 al Teatro degli Illuminati con il concerto del gruppo corale “Joyful Singing Choir” a sostegno del centro.

La struttura partirà quindi con l’apporto fondamentale del volontariato, in attesa dell’accreditamento regionale che per legge può avvenire soltanto ad iniziativa avviata.
La complessità dell’intervento, nei suoi vari livelli di assistenza, prevede un’attenta selezione dell’utenza ed una stretta correlazione tra le varie fasi del trattamento all’interno del circuito, in modo da poter mantenere una coerenza del sistema delle cure.

La struttura residenziale (per soggetti per i quali è stata constatata l’inefficacia di percorsi ambulatoriali e non adeguatamente gestibili a livello familiare) e semiresidenziale (rivolto a chi ha bisogno di un sostegno di almeno 6 ore al giorno ma che può evitare di interrompere le attività abituali quotidiane) sarà deputata al trattamento di pazienti con Disturbi del Comportamento Alimentare (Anoressia, Bulimia, Binge Eating Desorder o Disturbo da Alimentazione Incontrollata) per i quali sia necessario un periodo di riabilitazione e reinserimento sociale, quando le condizioni cliniche siano in fase di miglioramento.

Lo scopo è quello di costruire uno spazio di cura a bassa intensità che privilegi percorsi rivolti alla riabilitazione, all’autonomia, alla valorizzazione delle risorse della persona: un servizio sociosanitario aperto al territorio, volto a ricostruire quel tessuto di relazioni sociali, lavorative e scolastiche che la malattia ha deteriorato ma che è elemento centrale nella restituzione della persona alla vita.

“La casa di Sally” potrà ospitare fino a 6 persone nel residenziale e 6 persone nel semiresidenziale, a partire dall’età di 10 anni. Rappresenta il proseguimento terapeutico in ambiente protetto di una degenza ospedaliera acuta o quando la valutazione del rapporto costi-benefici di altri trattamenti risulti insoddisfacente: può quindi costituire una valida alternativa alla permanenza prolungata in regime ospedaliero, spesso non adatto a bambini ed adolescenti.

“La casa di Sally” è finalizzata alla costruzione di un percorso condiviso verso la crescita dell’autonomia e finalizzato al reinserimento sociale. la durata della degenza varia dai 3 ai 12 mesi.
Gli obiettivi specifici dell’intervento si perseguiranno attraverso un processo multidisciplinare ed integrato con i servizi sociali e sanitari di riferimento, con l’attivazione di una rete territoriale di soggetti operanti nell’ambito sociale, economico, culturale, sportivo, ricreativo (Scuole, Terzo settore, Aziende, Associazionismo, Volontariato) e con l’impiego di personale qualificato ed adeguatamente formato (Psichiatra – Psicoterapeuta, Psicologo. Nutrizionista, Assistente sociale, Educatore professionale, Operatore sociosanitario).

https://www.facebook.com/photo/?fbid=10231738405072705&set=gm.981494140162866&idorvanity=510097293969222&locale=it_IT

 

“JOYFUL SINGING CHOIR”, CONCERTO IN FAVORE DEL CENTRO PER LA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI “LA CASA DI SALLY”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *